Tag

, , , , ,

senza-seggiolino-bimbo-viene-sbalzato-fuori-dall-autoPurtroppo, quando succede, non riesco a fare a meno di arrabbiarmi, di indignarmi. In un paese in provincia di Lodi una piccola angioletta di quattro mesi ha lasciato questo mondo. Dico, quattro mesi, vi rendete conto? Nessuna malattia rara, nessuna caduta accidentale, nessuna follia omicida dei genitori. O forse sì? O forse, con leggerezza, è stata uccisa dalla noncuranza di chi avrebbe dovuto tutelarla? Qui non parliamo di gente insana che si arma e fa strage, ma di genitori IDIOTI che non fanno viaggiare i propri figli in sicurezza in auto. Non voglio solo polemizzare, non è mia intenzione generalizzare, magari la piccola stava malissimo e la mamma l’ha presa in braccio – però lègati, dico io – magari sarebbe volata in cielo ugualmente anche se adeguatamente trasportata, magari è stata l’unica volta che hanno viaggiato così – e ci spero – chi lo sa.
Ma i fatti sono andati diversamente. Domenica sera, ascolto il telegiornale ma sto facendo altro, passano i titoli e sento qualcosa che suona circa così “gravissimi incidenti, vi sono dei morti, tra cui una bimba di quattro mesi”. Guardo Amoremio che è sul divano, e con faccia interrogativa dico “ma com’è possibile, secondo te? Quattro mesi, terribile. Sicuramente non era legata..” Io, che a volte sono prevenuta. Arriva il servizio dopo qualche minuto, la giornalista racconta un incidente dove ci sono dei morti, poi menziona l’urto che ha coinvolto due auto nel Lodigiano, madre e bambina sono state scaraventate sull’asfalto, viaggiavano sul sedile anteriore, senza cintura. Lì, a caldo, ho detto una brutta frase, però l’ho detta “spero che quella madre resti in vita, così soffrirà capendo la stupidata che ha fatto”. Troppo cattiva? Non credo. Io i miei figli li metto in sicurezza anche se devo portare Principessa all’asilo, in due minuti d’auto. Ma stiamo scherzando? La sicurezza prima di tutto. Non conosco la cultura di queste persone, si tratta infatti di una famiglia di indiani , ma visto che da qualche anno vivono qui, in Italia, la legge parla chiaro: i bambini vanno trasportati in auto legati agli appositi seggiolini o rialzi, punto.

Sempre su questo tema, nei prossimi giorni pubblicherò un post, scritto da Francesca, che già ci aveva proposto due utili guide su cosa fare in casi di emergenza.

Nel frattempo, posso solo ricordare quel piccolo angioletto in cielo… Inoltre voglio sperare che sua madre non la raggiunga lassù, ma solo perché desidero si renda conto di quanto un semplice seggiolino auto avrebbe potuto far essere sua figlia ancora con loro.

Se riuscite, lasciatemi il Vostro pensiero, anche se può essere difficile. Voi legate i Vostri bambini, anche per piccoli tratti di strada?

A presto, momfrancesca.

Annunci