Tag

, , , , , , ,

i-bambimi-non-vanno-tenuti-in-braccioEccoci con la seconda parte di questo importantissimo argomento, ci sta molto a cuore e vedendo i commenti ricevuti ieri scopriamo con piacere che molte altre mamme la pensano come noi. Quindi, poche chiacchiere e lascio la parola a Francesca.


Sulla sicurezza non si risparmia: per ogni peso c’è un dispositivo di ritenuta idonea, che sia isofix o meno non ha importanza, l’importante è che sia omologato, adatto per la classe di peso e messo, se non si ha l’isofix, nel sedile posteriore centrale. Davanti è possibile metterlo solo con l’airbag ATTIVATO (si disattiva SOLO con l’ovetto, quindi col bambino che viaggia in senso contrario a quello di marcia) e il sedile TUTTO INDIETRO. È comunque meglio evitare di tenerlo davanti a meno che il bambino non soffra di mal d’auto, perché il posto più riparato è quello dietro ed educativamente si passa il messaggio che ogni persona ha il suo posto punto e basta: io trovo orribile vedere bambini seduti davanti e dietro la mamma o i nonni. Il posto davanti va lasciato a chi sta male o all’adulto, punto e stop. Che sia un soldo di cacio a dare gli ordini per me è inaccettabile.

Le alzatine, o booster, sono da evitare il più possibile anche se la tentazione di usarle appena il bambino supera i 15 kg è forte, visto che costano poche decine di euro: meglio tenerli solo per emergenza perché non offrono nessun tipo di protezione laterale o della testa e possono scivolare facilmente da sotto il sedere. Io ne tengo uno nel baule solo nel caso in cui debba trasportare senza preavviso altri bambini, e anche in quel caso lo metto nel posto centrale (il seggiolino di mio figlio 18- 36 kg è isofix e con ulteriori protezioni laterali per cui è dietro il sedile del passeggero).

Altra cosa importantissima è che la cintura di sicurezza, nel caso di seggiolini ormai senza cinghiette o di booster, venga fatta passare nel modo convenzionale, e MAI messa sotto l’ascella: il fastidio che può dare è poca roba, e prima si insegna a sopportarlo meglio è. Mettere la cintura sotto l’ascella è come non averla. Traetene le vostre riflessioni. Se passa sul collo di vostro figlio, bhe, vuol dire che vostro figlio è ancora troppo basso per stare senza le cinghiette incorporate. Mio figlio ha tolto le cinghiette a quasi 3 anni e mezzo perché prima la cintura gli dava fastidio passandogli sul collo, e in questa posizione è pericolosa perché in caso di frenata o impatto comprime l’esofago.


Vogliamo lasciarvi con due video, date un’occhiata per scoprire cosa succede quando VOI non legate i Vostri figli in auto.

Per leggere la prima parte, andate Qui.

A presto, momfrancesca – Francesca

Annunci