Tag

, , , , , ,

sarò-o-non-sarò-incinta-2

Le mie due gravidanze sono state molto diverse fra loro, durante la prima ero spensierata e in attesa del bebè senza nessuna paura. Non sapevo cosa significasse partorire, ma nella mia mente era già tutto pianificato. A parte l’ultimo periodo, durante il quale la stazza-balena mi ha dato qualche noia, il resto è stato meraviglioso. L’attesa, preparare la stanza, lavare i vestitini così piccoli, comprare tutto quel che sarebbe servito. Durante la seconda gravidanza ho avuto le nausee del primo trimestre per più tempo, avere una bimba di due anni da gestire tutto il giorno non facilitava il mio rilassamento, anche se devo darle atto che è sempre stata bravissima e molto comprensiva nonostante l’età. Per Principessa la gravidanza è durata 37 settimane, mentre per Principe mi è toccato arrivare fino alla fine. Non sembra, ma tre settimane in più si sono fatte sentire, sono davvero lunghe.

Queste differenze le ho riscontrate non solo tra sintomi di poco conto, ma anche con la paura che qualcosa andasse storto, se per qualche ora non sentivo scalciare pensavo al peggio. Ora, col senno di poi, mi dico “ma perché non sei riuscita ad essere più razionale?” e non trovo risposta. In realtà, l’inizio della gravidanza di Principe è stata ancora peggiore di quel che ho scritto nel primo post. Dopo aver fatto il test di gravidanza e aver letto il risultato positivo non ero ancora convinta. Così, iniziai a fare quel che di più sbagliato potesse venirmi in mente, ovvero cercare su internet. Come hanno già scritto alcune mamme sui loro blog (mammariccia ed ellisteller), cercare sul web a volte può rivelarsi controproducente. Io iniziai a digitare frasi tipo “non mi sento più incinta” o “non ho più i sintomi” e trovai alcuni risultati, i quali mi portarono sul female-forum credo più famoso – che tra l’altro non sopporto per l’invasione di pubblicità, l’onnipresenza di troll e le non risposte date perché la maggior parte delle iscritte si rispondono solo tra loro – e mi iscrissi. Scaricai pure l’app, postai una domanda e ogni quindici minuti controllavo le risposte. Al limite della pazzia immagino, anche perché di risposte ne arrivarono ben poche.

dubbio-amletico-incinta-o-no

Passato qualche giorno in preda al panico, perché effettivamente mi era sparita la nausea ed avevo riscontrato alcune perdite ematiche, già pensavo ad un aborto spontaneo. Ma dico io, certo può accadere, ma assillarsi così non è il caso. Tant’è che non ci dormii una notte e l’indomani decisi di recarmi dal mio medico: avevo letto su quel cavolo di forum tutte queste ragazze che parlavano di fare le beta, che scrivevano i loro valori, e io me ne stavo beatamente sul pero. Quindi, cercai in internet – ovvio – cosa fossero questi esami della beta HCG e, scendendo dal pero su cui ero appollaiata, scoprii che con un esame del sangue avrei saputo se la gravidanza era in corso oppure no. Ricordo la scena della dottoressa, che al momento sostituiva il mio dottore, guardarmi con un po’ di compassione mentre mi scriveva l’impegnativa, dopo aver ascoltato il mio delirante monologo con incluse frasi sulla mia insonnia per non sapere lo stato della gravidanza e per aver sviluppato una forma d’ansia per questa motivazione. Che poi, facendo questo benedetto dosaggio dell’ormone, ne uscì fuori che ero incinta, e nove mesi dopo nacque Principe.

Son cose di cui ora mi vergogno molto, che seriamente non capisco come abbia potuto non dormirci la notte, per quale motivo io mi sia iscritta ad un forum perché non sentivo più i sintomi della gravidanza. Credo che tutta questa incertezza all’inizio si sia protratta per i nove mesi, ed invece avrei dovuto viverla con più serenità e naturalezza, come d’altronde la gravidanza è: uno splendido regalo della Natura.

Mamme: non assillatevi con test su test, lasciate perdere i dosaggi delle beta, ho letto di ragazze andare a farli un giorno sì e l’altro pure. Smettetela di pensare che se vi assillate per una gravidanza, questa continui in maniera splendida, perché purtroppo se dovrà succedere qualcosa di sbagliato, accadrà nonostante tutto. L’ansia, anzi, può dare problemi al feto, perché come tutte sappiamo i nostri fagiolini, da dentro, assorbono tutte le nostre sensazioni, positive e negative. Quindi: be positive and relax 😉

A presto, momfrancesca.

Annunci